Vieni e riposati con Me

Vieni e riposati con Me

5 Nuovi messaggi

Oggi: 3 appuntamenti dal Calendario Google

Riunione Zoom inizia fra 15 min

E così comincia la nostra giornata. Se accendiamo Zoom per la scuola, usiamo Google Team per una riunione di lavoro, mandiamo un messaggio Whatsapp alla famiglia per ricordare l’ora di cena, o facciamo una videochiamata con gli amici per pianificare il weekend, cerchiamo costantemente di connetterci l’un l’altro. Ma quanto spesso, dopo tutti questi appuntamenti e progetti, arriviamo alla fine della giornata esausti e sfiniti. Il nostro mondo corre così velocemente, che spesso non abbiamo il tempo di fermarci e riposarci veramente. Come le macchine sull’autostrada i nostri pensieri, le nostre preoccupazioni e le nostre paure vanno a cento chilometri all’ora senza vedere la fine. Fortunatamente, ci sono le aree di sosta lungo la strada e, come le nostre macchine, anche noi abbiamo bisogno di fermarci, lasciare la strada e riempire il nostro serbatoio. I nostri corpi hanno bisogno di riposo ogni giorno, e anche i nostri cuori.

28 «Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. 29Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. 30 Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero». (Matteo 11, 28-30)

«Venite a me». Gesù desidera che noi stiamo con Lui, accanto a Lui, perché ci ama e ci ha amati anche prima di nascere. Dobbiamo andare da Lui, passare tempo con Lui, meditando sulla sua Parola quotidianamente. Il suo giogo, che Lui ci chiede di prendere su di noi, è di immergersi nella Parola di Dio. Il suo dolce e leggero giogo è di lasciare che Dio nostro Padre parli attraverso il suo Figlio, Verbo fatto carne, la Persona che si prende cura di noi e ci guida nelle nostre vite, che ci fa vedere la retta via: la via della verità e della vita, la luce, l’amore e la felicità. Gesù, nella sua tenerezza, ti accoglie nelle tue fatiche e nelle tue difficoltà quotidiane, vuole darti riposo e consiglio attraverso la sua Parola. Proprio come qualunque buono e caro amico, Lui vuole parlarti e sentirti ogni giorno! Parliamo con così tante persone durante la nostra giornata, ma quanto spesso parliamo con Dio, o ancora più ascoltiamo Lui e quello che ha da dirci? Può essere difficile capire o sentire cosa ci sta dicendo, se non gli diamo l’opportunità di parlare. Però, come in qualsiasi altra relazione, più tempo passiamo con Lui familiarizzando con la sua Parola, riflettendo e meditando a fondo, più veniamo a conoscenza della sua voce e come essa risuoni nei nostri cuori. Pregare con la Scrittura ogni giorno, ci aiuta a diventare più accordati alla voce di Dio fra gli altri rumori nella nostra vita che ci stancano. Ogni giorno Lui ci aspetta nella Scrittura per darci speranza e coraggio nelle nostre fatiche e nelle nostre sofferenze, per farci vedere i nostri prossimi passi e farceli percorrere con fiducia e amore. Il nostro sì alla preghiera è un sì al nostro Padre che ci invita ad essere con Lui e rimanere nel suo amore, nonostante le circostanze della vita. Egli desidera che il suo Amore diventi per noi «una sorgente d’acqua che zampilla per la vita eterna» (Gv 4,14) e che questa sorgente scorra continuativamente, spargendo la sua grazia in tutti gli ambiti della nostra vita, in particolare in quelli che sono più desolati.

              Era durante il mio secondo anno all’Università di Kansas quando ho cominciato gustare la gioia della vita verso l’amore di Cristo derivante dalla meditazione quotidiana. A quel tempo, mi allenavo nella squadra di canottaggio dell’università, studiavo ingegneria, guidavo un gruppo cattolico, passavo il tempo con gli amici, ma ero stanca ed esausta. Avevo come guida una giovane missionaria a cui spesso dicevo che ero sopraffatta e facevo fatica a trovare la pace nella mia settimana. Ad un certo punto, durante uno dei nostri colloqui, mi ha messo alle strette e mi ha detto: «Kate, tu devi pregare 20 minuti con la Bibbia ogni giorno; devi fare questo ogni giorno, se vuoi trovare un po’ di pace e chiarezza nella tua vita. È un dovere. E dovrai programmarlo nella tua giornata in anticipo, altrimenti non lo farai mai». Ancora guardo indietro con stupore a quel colloquio, e mi rendo conto di quanto fosse vero il suo consiglio. Infatti, per quanto possa sembrare inverosimile, “aggiungere qualcosa altro” in un orario già strapieno è un consiglio perfetto. In un periodo in cui ero molto impegnata, la mia meditazione quotidiana era una grazia salvifica. È stato in quel momento nella mia giornata che ho deciso di fermarmi ed essere con Dio. E quei 20-30 minuti dedicati a Lui, Lui li ha moltiplicati in grazia infinita. Sono stata rinnovata e ricreata ascoltando e parlando con Lui nel mio cuore. Ho cominciato ad incontrare Dio e conoscere chi sia veramente e quali siano i desideri più profondi del mio cuore. Ho iniziato a notare l’attenzione del Signore sui piccoli dettagli della mia vita ed a vedere quanto Dio mi voglia bene e quanto Egli mi sostenga in tutte le situazioni nella mia vita.

              Non è stato facile dedicare alla preghiera quei 20 minuti della mia giornata, ma pian piano ho notato la differenza fra i giorni in cui ho pregato e i giorni in cui non ho pregato. I giorni che ho dedicato alla meditazione sono stati giorni trascorsi con la persona che amo di più e la persona che mi ama di più. Santa Teresa d’Ávila scrive: «l’orazione mentale, a mio parere, non è che un intimo rapporto di amicizia, nel quale ci si intrattiene spesso da solo a solo con quel Dio da cui ci si sa amati». Quella è il rapporto che tutti noi esseri umani desideriamo, passare i nostri giorni con le persone che amiamo e che ci amano.

              Quindi, fermati. Riempi il tuo serbatoio. Riposati con Gesù e la sua Parola. Con la meditazione quotidiana, sperimenterai il suo Amore per te e quello sarà la benzina per la tua anima. Egli ti alimenterà ogni giorno con la sua Grazia per diventare e agire come Lui sempre di più. In questa preghiera trasformante, Gesù vuole che le parole che ti dice diventino realtà nella tua vita. Egli lo fa invitandoti a metter in pratica le sue parole nella tua vita in modi semplici e concreti. Con quei piccoli, concreti passi comincerai ad entrare in sintonia con Lui e a gustare la sua gioia infinita e la sua vita eterna. E come la mia guida mi ha detto, anch’io ti dico: «Tu devi pregare 20 minuti con la Bibbia ogni giorno. Devi fare questo ogni giorno se vuoi un po’ di pace e chiarezza nella tua vita. È un dovere. E dovrai programmarlo nella tua giornata in anticipo, altrimenti non lo farai mai».

Proposito concreto: Prova a pregare con la Scrittura per 15 minuti ogni giorno, chiedendo al Signore la grazia di essere fedele al tuo tempo di preghiera quotidiana.

Domande:

  1. Quanti “appuntamenti” ho nella mia giornata? E meditare sulla Parola di Dio è uno di questi?
  2. Perché voglio pregare? Vedo la preghiera come un’altra cosa da aggiungere nella mia giornata oppure come un luogo di riposo con il Signore?

La meditazione di questo mese è di Kate Cropp

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *