Sulle orme del discepolo amato

Sulle orme del discepolo amato

Il giorno dopo Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». E i due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù. Gesù allora si voltò e, vedendo che lo seguivano, disse: «Che cercate?». Gli risposero: «Rabbì (che significa maestro), dove abiti?». Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove abitava e quel giorno si fermarono presso di lui; erano circa le quattro del pomeriggio. (Gv 1:35-42) Una cosa che mi ha sempre lasciata perplessa del Vangelo di Giovanni è il fatto che lui si definisca come “il discepolo che Gesù amava” (Gv 18,23; 19,26; 21,7; 21,20). Lo fa almeno quattro volte! Perché insiste così tanto? Non erano forse anche gli altri discepoli...

«Maestro, dove abiti?»

«Maestro, dove abiti?»

All’inizio del ministero pubblico di Gesù troviamo la domanda «Maestro, dove abiti?» pronunciato sulle labbra di due uomini desiderosi di avvicinarsi a colui che gli era stato indicato come “L’agnello di Dio” (Gv 1, 35-39). Il loro desiderio, nascosto nella domanda, li ha spinti a seguire il Signore ovunque vada.  Un eco di questa esperienza è stato vissuto anche dopo nell’ incontro di quei discepoli con il Risorto, mentre si stavano recando a Emmaus, i loro cuori ardevano perciò li chiesero di «stare con loro» (Lc 24, 13-35). Chi ha preso l’iniziativa in questi episodi? Non erano i discepoli, ma piuttosto è stato Gesù. Guardiamo il modo in cui Gesù suscita i desideri più profondi dei suoi discepoli e vediamo come vuole soddisfarli. Giovanni Battista entra in...

«Adamo, dove sei?»

«Adamo, dove sei?»

Ogni mattina di questo ultimo anno trascorso ho inviato una breve riflessione audio ai miei contatti di WhatsApp, accompagnandola con alcuni suggerimenti pratici su come applicare il Vangelo alla vita di tutti i giorni. Questo nuovo strumento di evangelizzazione mi ha aiutata a pregare meglio e in modo più approfondito le Sacre Scritture. Un giorno, mentre preparavo una di queste meditazioni, sono rimasta colpita dal fatto che la prima domanda che gli Apostoli rivolgono a Gesù, «Maestro, dove abiti?», è molto simile alla prima domanda che Dio fece all’uomo nel Libro della Genesi: «Adamo, dove sei?». Mi ha colpito ancora di più perché Dio ha interrogato Adamo subito dopo che egli aveva peccato e si era nascosto da Lui per paura. Riflettendo sul primo...