San John Henry Newman: Apostolo della Verità

San John Henry Newman: Apostolo della Verità

Una delle benedizioni qui a Roma, nel cuore della Chiesa cattolica, è la possibilità di andare a Messa in Vaticano. Una Messa cui abbiamo partecipato come Apostole a ottobre è stata quella della canonizzazione di sei nuovi santi, uno dei quali era San John Henry Newman. Conoscevo il nome di questo santo già da piccola, soprattutto perché il centro cattolico vicino all’università si chiamava “Centro Newman”, ma sapevo poco della vita di quest’uomo. Con il tempo, studiando all’università, continuavo a frequentare la chiesa del mio quartiere e pertanto non partecipavo molto al Centro Newman. Pochi anni dopo, mi ritrovai alla mia alma mater per lavoro, e andavo a Messa lì tutti i giorni. Da quel periodo in poi, il Centro Newman è diventato una...

S. Francesco D’Assisi: Apostolo della paternità e della fraternità

S. Francesco D’Assisi: Apostolo della paternità e della fraternità

Il Signore ti benedica e ti custodisca, mostri a te il suo volto e abbia misericordia di te. Rivolga verso di te il suo sguardo e ti dia pace. Il Signore benedica te, frate Leone Fu San Francesco d’Assisi a pronunciare queste parole di benedizione al suo compagno e amico Frate Leone in un momento in cui quest’ultimo stava attraversando un periodo di prova spirituale.Questo mese vorrei che fosse Francesco ad accompagnarci nel nostro cammino in compagnia dei santi e vorrei che potesse ripetere anche a noi con lo stesso affetto e forza questa benedizione. E in verità i secoli che ciseparano dalla sua vita non hanno potuto cancellare la memoria delle sue parole di bene che possiamo ancora leggere oggi sulla pergamena che si conserva incorrotta nella basilica...

«Come la creta nelle mani del vasaio…»

«Come la creta nelle mani del vasaio…»

Sono nata e cresciuta in una cultura, in un paese e in una famiglia che, non solo privilegia, ma addirittura premia chi è assertivo, indipendente e autosufficiente. La mia famiglia è numerosa e calda, ma anche loquace e schietta. Per poter far sentire la propria voce bisogna competere, in qualche modo, con chi sta già parlando, se si vuole rubare l’attenzione anche solo per un istante. Ed io ero un’esperta ad essere al centro e a convincere gli altri a seguirmi. Ero un vulcano attivo, carico di energia e di idee, sempre pronta a scoppiare e spargere lava ovunque lo ritenessi “giusto” e necessario. Poi, ho conosciuto le Apostole. Pensavo di possedere già tutto quello che mi occorreva per raggiungere la felicità e la santità: convinzione, coraggio e costanza, ma...

“Il MODO di Gesù”

“Il MODO di Gesù”

Avevo diciott’anni quando, in una fredda mattina di dicembre, entrai in una chiesa di Roma prima di andare a lezione. C’era una Messa che veniva celebrata ma non vi prestai particolare attenzione dato che ero entrata solo per trovare un luogo caldo dove poter aspettare. Erano passati appena pochi minuti quando una giovane donna, probabilmente sette o otto anni più grande di me, si avvicinò e iniziò a parlarmi. Rimasi subito colpita dal suo sguardo incredibilmente bello e profondo, anche se cercavo tra me e me di capire chi fosse e perché mi stesse parlando. Mi spiegò che era una ragazza consacrata che faceva parte di una nuova Comunità, le Apostole della Vita Interiore, e che la sua missione era quella di raggiungere i giovani e parlare con loro di Dio. Anche se...

Il discernimento vocazionale nel contesto familiare

Il discernimento vocazionale nel contesto familiare

Non ho mai davvero capito fino in fondo come si possa sentire una madre che perde un figlio tra la folla; questo finché ho assistito ad una scena da spezzare il cuore un paio di estati fa. Mentre stavamo celebrando la Messa al termine di una bella gita in montagna, proprio durante l’omelia, è scoppiato il finimondo: urla, lacrime e singhiozzi. Una mamma aveva finalmente ritrovato il suo bambino che si riposava tranquillo accanto ad una fontanella, in attesa che la famiglia lo raggiungesse, visto che con il suo passo deciso aveva seminato tutti gli altri. La madre era stata presa talmente tanto dall’ansia e dalla paura di averlo perso sul sentiero che, quando finalmente l’ha rivisto, gli ha scaricato addosso tutta la tensione accumulata. Credo che tutti quelli...

Lo scalpello e la de-cisione

Lo scalpello e la de-cisione

“Come ha fatto Michelangelo a creare il David?” “Come mai il David è una delle statue più famose del mondo?” Queste domande, che si tramandano di generazione in generazione, sono simili ad un’altra domanda che ognuno di noi porta nel proprio cuore: “Qual è lo scopo della vita”? Il discernimento vocazionale, che è proprio l’arte di saper ascoltare la voce di Dio per scoprire il suo progetto su di noi, ha tanto in comune con l’arte scultorea di Michelangelo. La risposta a come Michelangelo ha creato il David ed a come discernere la volontà di Dio per la propria vita è la stessa: tagliare via tutto quello che non è il David. Fare discernimento vocazionale, infatti, segue una modalità simile a quella che Michelangelo ha usato nello scolpire il David. Come ci vuole...