Ringraziamento

Ringraziamento

Quando ero bambina, all’inizio dell’Avvento, mia mamma metteva sempre, sul tavolo del salone, una culla vuota per Gesù Bambino e, ogni volta che qualcuno in famiglia faceva una buona azione, aggiungeva un po’ di paglia alla culla. L’idea era quella di costruire un letto morbido per Gesù Bambino attraverso le offerte di ciascun componente della famiglia. Mia mamma ha iniziato questa tradizione il primo anno in cui ero abbastanza grande per capirla e parteciparvi; mi ricordo ancora la sua spiegazione sull’importanza di questa pratica: “Se vogliamo fare una culla per Gesù Bambino, dobbiamo fare abbastanza buone azioni per dare a Gesù Bambino un letto comodo per quando nascerà a Natale. Se non facciamo abbastanza buone azioni, il suo letto sarà duro...

Lo Spirito di Iniziativa

Lo Spirito di Iniziativa

Da quando ho conosciuto le Apostole della Vita Interiore, ho sentito parlare di “spirito di iniziativa”. Questo concetto ha fin da subito destato in me, e lo desta tuttora, un po’ di timore, forse perché questo spirito non l’ho mai sentito del tutto mio; infatti, essendo troppo timida e preoccupata dell’immagine che do di me agli altri, non faccio mai il primo passo, per non rischiare di sbagliare. Tutto deve essere sempre ben pianificato e organizzato; ad esempio, quando mi avvicino ad uno sconosciuto, ho sempre bisogno di sentirmi sicura prima di agire. Ricordo ancora quel bellissimo venerdì mattina di tre anni fa al Campus universitario in Texas. Ero al mio primo anno di formazione in comunità. Tre volte a settimana andavo al campus per fare evangelizzazione e...

La vera gioia

La vera gioia

Alzi Alzi la mano chi vuole essere felice. Pienamente, completamente felice. Vedo tante mani alzate, forse perché essere felici è un po’ il desiderio di tutti. Possiamo dire che tutti vivano questa felicità che desiderano?  Siamo noi veramente felici e circondati da persone altrettanto felici? Possiamo forse affermare che tutto quello che facciamo ha sempre come scopo il raggiungimento di questa felicità? Ricordo che quando ero adolescente la ricerca della gioia era veramente essenziale per me, era il motivo per cui sceglievo di fare o non fare qualcosa. Se non ero sicura che un’iniziativa, l’andare in un certo posto con i miei amici ci avrebbe reso felici allora non partecipavo perché mi sembrava una perdita di tempo per me. Le “vasche” avanti e indietro in...

Maria Regina degli Apostoli

Maria Regina degli Apostoli

L’Apostola della Vita Interiore, come donna, come battezzata, come consacrata, come Apostola, ad imitazione di Maria, desidera esercitare il suo ruolo di madre, rendendosi disponibile all’opera dello Spirito Santo per rendere possibile, per così dire, l’Incarnazione del Verbo Divino nelle persone che assiste spiritualmente. (Regola di Vita delle Apostole della Vita Interiore) Quando lo speaker ha concluso la sua presentazione, una studentessa dalla prima fila si è girata e mi ha chiesto “Possiamo parlare?”. Dallo sguardo di questa ragazza che incontro regolarmente in direzione spirituale, e ho subito intuito che stava soffrendo. Appena ci siamo allontanate dalla sala gremita, è scoppiata in lacrime, dicendo che le parole appena ascoltate sul tema del fidanzamento...

Meditazioni quotidiane 2019

Puoi ascoltare qui le meditazioni audio di Tiziana, con il commento al Vangelo del giorno. Un modo per riflettere e pregare durante la giornata, sulla Parola che il Signore ci offre  come conforto e luce  sul nostro cammino. Qui potrete trovare l’archivio 2018, l’archivio 2017, l’archivio 2016, e qui l’archivio 2015 Tiziana – 2019 01 02 – Gv 1,19-28 Tiziana – 2019 01 03 – 1Gv 1,3-6 Tiziana – 2019 01 04 – Giovanni 1,35-42 Tiziana – 2019 01 05 – 1Gv 3,11-21 Tiziana – 2019 01 07 – Matteo 4,12-17 23-25 Tiziana – 2019 01 08 – Marco 6,34-44 Tiziana – 2019 01 09 – Marco 6,45-52 Tiziana – 2019 01 10 – Luca 4,14-22a Tiziana – 2019 01 11 – Luca...

La sua mano sulla mia. La riconciliazione

La sua mano sulla mia.                       La riconciliazione

“Non fu facile quel giorno andarmi a confessare. Avevo allora ventidue anni e nonostante sia passato diverso tempo, lo ricordo ancora bene. Ero nel Santuario di Loreto. Mi stavo accostando a questo Sacramento, pronto a ricevere un rimprovero e un’umiliazione e mai avrei pensato che invece potessi ricevere un regalo. Mi sentivo solo, come se dovessi comparire davanti ad un giudice. Eppure non appena mi inginocchiai, il frate che mi aspettava nel confessionale, forse intuendo il mio disagio, mise la sua mano sopra la mia e non la lasciò per tutto il tempo della Confessione. Quel gesto mi fece sentire vicinanza e comprensione e mi incoraggiò ad aprirmi. Sentii come se i peccati confessati perdessero il loro potere sul mio cuore, e sperimentai al posto della...