Scelte audaci: Rischiare per il Signore

Scelte audaci: Rischiare per il Signore

Che cosa sceglieresti: un viaggio tranquillo su una nave, oppure un giro in kayak in un fiume di montagna? Prima di tentare una risposta a questa domanda, facciamo un passo indietro per ascoltare un invito da Papa Francesco, da una sua recente lettera ai giovani: «Non abbiate paura di ascoltare lo Spirito che vi suggerisce scelte audaci, non indugiate quando la coscienza vi chiede di rischiare per seguire il Maestro».[1] Rischiare non è sempre tanto attraente per noi. Una ricerca veloce della voce “rischio” nel dizionario ci fornisce delle connotazioni un po’ preoccupanti:   rischio ‹rì·schio› s.m. (pl. -chi) Eventualità di subire un danno: (ECON/COMM). L’eventualità di una perdita Se rischiare può essere così pericoloso, allora perché farlo? Perché lasciare...

Apro il tuo sepolcro

Apro il tuo sepolcro

Dalle lodi di oggi (domenica della III settimana): «Dice il Signore Dio: Ecco io apro i vostri sepolcri, vi risuscito dalle vostre tombe, o popolo mio, e vi riconduco nel paese d’Israele. Riconoscerete che io sono il Signore, quando aprirò le vostre tombe e vi risusciterò dai vostri sepolcri, o popolo mio» (Ezechiele 37). Io apro il tuo sepolcro. Sì, lo apro. Apro e scopro tutto ciò che attende redenzione in quella tomba. L’odore della tua umanità. Gli stracci di un amore non sempre compiuto. Le tue ossa secche e dure. La polvere della fatica quotidiana. Non ho paura del tuo sepolcro. Sono disposto ad affrontare questo luogo che allontana tutti gli altri (perché chi vuole sentire quella puzza?). E io non apro soltanto, ma entro. Sì, entro accanto a...

Ammonire con Amore

Ammonire con Amore

La scorsa estate il Vescovo di Corpus Christi in Texas, Monsignor Mulvey, ci ha raccontato una storia molto commovente. Qualche anno fa era andato in Pakistan e aveva visitato un seminario. Il rettore e due seminaristi lo avevano accolto con calore all’aeroporto. Uno dei due seminaristi aveva colpito il Vescovo in modo particolare per la sua gioia e la sua semplicità. Questo seminarista aveva una cicatrice molto evidente che gli attraversava tutta la guancia destra. Dopo qualche giorno di permanenza in seminario, questo seminarista volle condividere con il vescovo la sua storia e il perché di quella cicatrice. Gli disse che l’estate precedente aveva lavorato in una fabbrica di marmellata al confine con l’Afghanistan, zona dove i cristiani sono una piccola...

Più Forte della Morte

Più Forte della Morte

Mettimi come sigillo sul tuo cuore, come sigillo sul tuo braccio; perché forte come la morte è l’amore, tenace come gli inferi è la passione: le sue vampe son vampe di fuoco, una fiamma del Signore! (Cantico dei Cantici 8,6) Solo l’amore è più forte della morte Il mio amore ti fa libero Solo l’amore è più forte della morte Sono risorto e sono sempre con te. Solo il dono ti farà guarire le piaghe rimaste nelle mie mani per te Io do la vita per te, amico se tu sei salvo, la mia gioia è piena. (Rit). Il mio sigillo sta sul tuo cuore lo Spirito che ti fa gridare “Padre” La mia passione brucia come un fuoco e nessun’acqua spegnerà questa fiamma. (Rit). La tua sconfitta io l’ho rovesciata La delusione l’ho illuminata Se...

Sperimentare la Grazia quando sperimentiamo i nostri limiti

A 15 anni, Sara dovette imparare ad amare incondizionatamente i suoi genitori e fratelli a causa di una situazione molto difficile che viveva a casa. I suoi genitori litigavano ormai da anni e alla fine avevano deciso di divorziare. I figli vennero messi in mezzo dovendo scegliere da che parte stare e dovendo sentire le accuse che ogni genitore aveva verso l’altro. Pertanto Sara cominciò a rendersi conto dell’umanità e della debolezza di suo papà e sua mamma scoprendo che la sua famiglia non era perfetta e ancora meno i suoi genitori. Sorprendentemente, iniziò a sognare il giorno in cui i suoi genitori si sarebbero separati e suo padre avrebbe lasciato la casa. Forse, pensava che la pace sarebbe ritornata. Tre mesi dopo che le carte del divorzio erano state...

L’Amore è Paziente

L’Amore è Paziente

“I beni più preziosi non devono essere cercati ma attesi”.   — Simone Weil  Nel famoso inno alla carità in I Corinzi capitolo 13, ci sono tante parole con cui S. Paolo specifica l’amore, ma fra tutte le possibili descrizioni che poteva scegliere, la prima in assoluta che elenca è la pazienza. La carità è paziente. Quando pensiamo alla pazienza, di solito consideriamo l’aspetto di sopportare una situazione che ci pesa o dà fastidio. Devo avere pazienza con i miei figli che urlano nell’altra stanza, devo avere pazienza nel traffico che non finisce più, o nella fila lunghissima al supermercato. In questo senso, la pazienza, che viene anche dalla parola in latino patire, richiede una disponibilità a soffrire e ad accettare il dolore serenamente. Ma c’è anche un altra...