Circondati dalla misericordia come dall’aria

Circondati dalla misericordia come dall’aria

Si dice che il segno inequivocabile che un’omelia o un documento del Magistero stiano per terminare è la menzione di Maria. Dopo una predica troppo lunga il nome di Maria giunge come chiara speranza di liberazione. Perché Maria arriva sempre in coda, a chiudere, a riassumere, e credo che lei sia ben felice di questo. Procedendo per ultima, dopo le grandi verità su Dio, Maria rimane sempre la più vicina a noi. Quando il Figlio ha già tagliato il traguardo, Maria è ancora sulla pista, per aspettare il più lento e magari dargli una spinta, con la sua discrezione. La Bolla del Giubileo non fa eccezione. Quando Misericordiae Vultus, che è Gesù stesso, volto della misericordia del Padre, sfuma verso la conclusione (al numero 24), ci viene offerto un altro volto, una...